Coming soon: Padova - Fano

Trasferta proibitiva per i granata che fanno visita al Padova

Coming soon: Padova – Fano

Trasferta proibitiva per i granata che fanno visita al Padova

La domenica della vera svolta: è questo che si aspettano i tifosi granata che, dopo aver finalmente salutato Mister Cusatis (non ci mancherai….a mai più vederci) nelle ore successive alla pessima prestazione della scorsa domenica contro l’Albinoleffe, affidano le proprie speranze al nuovo timoniere dell’Alma, Mister Cuttone, chiamato subito a dimostrare che le speranze degli appassionati fanesi sono ben riposte, soprattutto in vista del cruciale doppio turno casalingo che aspetta i granata nelle prossime settimane (derby con la Samb e Teramo).

Sicuramente l’avversario che si troverà di fronte il trainer siciliano (benvenuto e buon lavoro) non è di quelli migliori vista la caratura del Padova che, scivolone di Forlì a parte, ha ultimamente dimostrato i motivi per cui quest’estate era predestinata come possibile vincitrice di questo difficilissimo girone B.

Proprio la sanguinosa sconfitta con i romagnoli, maturata con un gol fantasma non convalidato ai patavini all’inizio del match e dall’ eurogol di Cappellini per i forlivesi, ha fatto perdere il treno delle due big del campionato, Venezia e Parma, ora rispettivamente a più sei e a più tre dai veneti.

Tante le polemiche che si sono susseguite al match del “Morgagni” che ha anche portato la squalifica per due turni dell’allenatore Brevi e del preparatore Martinelli.

Viste quindi le modalità con cui è maturata la sconfitta in terra romagnola la squadra padovana scenderà in campo ancora più vogliosa di riprendersi dopo l’ingiusto ko di domenica e l’occasione di domenica sembra , almeno per i veneti , la migliore vista la classifica del Fano,  i 107 anni di storia da festeggiare e la possibilità di riavvicinare il duo di testa visto lo scontro Venezia – Parma, che si giocherà prima del match dell'”Euganeo”.

La squadra allenata da Mister Brevi durante il mercato invernale ha registrato gli arrivi del regista Berardocco dalla Samb che ha sostituito il brasiliano Filipe ceduto al Boavista

e dell’attaccante De Cenco dal Trapani (nelle ultime ore pare ormai certo l’arrivo dal Chievo di Bobb) mentre Germinale, a lungo seguito dall’Alma in questo mercato invernale, sembra vicino al ritorno a Como anche se nelle ultime ore è uscito il forte interessamento della Casertana su di lui.

Per quanto riguarda le scelte di Brevi, che dovrebbe rimanere fedele al 3-5-2,  tra i pali dovrebbe giocare il forte portiere Bindi, fermato al “Mancini” durante il riscaldamento per un problema fisico, con davanti il terzetto difensivo formato dai uno tra Sbraga e Cappelletti,  dal centrale bomber Russo (cinque reti per ora) e dall’esperto brasiliano Emerson, ex Livorno . A centrocampo sulle fasce agiranno sicuramente Favalli e Madonna (con in panchina Tentardini vicinissimo al Fano ad inizio mercato) con la cerniera centrale formata probabilmente da Mandorlini, Dettori e Berardocco, quasi sicuramente schierato per la prima volta dal primo minuto dal suo arrivo in Veneto. In avanti la coppia formata da Neto Pereira, che ha ripreso ad allenarsi in gruppo venerdì, e Altinier.

Tanta attesa nella piazza fanese invece per l’esordio sulla panchina granata di MIster Cuttone: come schiererà l’ Alma il trainer di Adrano? Utilizzerà il suo modulo preferito, il 4-3-1-2, o cercherà altre soluzioni? Le uniche certezze sono le assenze di Zigrossi e Fioretti, fermati per un turno dal Giudice Sportivo, del convalescente Cocuzza e di Torta mentre torna a disposizione Taino dopo aver scontato il turno di squalifica contro l’Albinoleffe. Quasi sicuramente il tecnico ex Santarcangelo e Modena opterà per il ritorno alla difesa a quattro in cui dovrebbero essere utilizzati  Andrenacci tra i pali, Zullo e Ferrani centrali con Lanini e Taino sulle fasce, a meno che non venga lanciato il giovane Ashong su una delle due fasce. Dalla mediana in poi tanti dubbi invece: quale sarà l’assetto dei granata? Saranno rispolverati giocatori come Carotti, Schiavini e il Mago Borrelli? In avanti invece Mister Cuttone ha praticamente solo due opzioni a disposizioni rappresentate da Masini e Melandri, a meno che non venga deciso di utilizzare la carta Cazzola come seconda punta. E se per la prima volta si vedesse un 4-3-2-1 con Borrelli e Gabbianelli dietro a Melandri, giocatore capace di agire anche da prima punta?

Per avere tutte queste risposte bisognerà aspettare le 18.30 di domani , orario in cui verrà svelata la prima Alma targata Cuttone.

AVANTI ALMA !!!!!!

 

 

 

Leave a Reply

Facebook